PA digitale, la previsione di FPA: il 2018 potrebbe essere l’anno della svolta

di Giuseppe Lanese *
 Il 2018 potrebbe essere l’anno della svolta per la PA digitale. E’ questa la previsione del direttore Generale FPA – FORUM PA Gianni Dominici, dopo un 2017 che ha registrato un’importante vitalità sia a livello territoriale che nazionale, ma che tuttavia (ha spiegato proprio Dominici) non ci restituisce un Paese maturo rispetto ai cambiamenti necessari. Molto dipenderà, ovviamente, dal ruolo del nuovo Governo anche se, ha sottolineato Dominici, “non abbiamo bisogno di nuove riforme e nuove leggi, ma di far funzionare quelle esistenti e di immaginarci una PA in grado di mettere, al di là degli slogan, davvero il cittadino al centro”. Ma una spinta importante verso l’innovazione della Pubblica Amministrazione potrebbe arrivare anche dalla piena realizzazione dei programmi comunitari, “a cominciare da quelli in grado di rafforzare le competenze dei dipendenti pubblici, importanti protagonisti del cambiamento”, evidenzia Dominici. Altro tassello importante riguarderà l’informatica pubblica, sempre che il “Piano Triennale sarà effettivamente in grado di indirizzare i processi di digitalizzazione”.
Gli argomenti – al centro della presentazione del Report Annuale di FPA a metà dicembre nella sede del Centro Congressi Roma Eventi Fontana di Trevi – riprendono vigore proprio in queste ore in occasione della piena ripresa delle attività lavorative in tutta la Pubblica Amministrazione. L’annuario di FPA, rappresenta il punto comune dal quale partire per immaginare quale possa essere il futuro della PA dei prossimi anni. Il Report rappresenta un lavoro dettagliato delle principali fenomenologie che hanno riguardato le nostre istituzioni nell’anno che si sta chiudendo. L’annuario contiene un’ampia descrizione ed analisi dei principali processi e fenomeni analizzati sia direttamente sia attraverso il contributo di importanti relatori. Ciò che emerge, alla fine, è un chiaro segnale di ripresa che descrive un Paese che ha ripreso a camminare. Il Report annuale è diviso in due parti.

La prima è dedicata agli Scenari e sperimentazioni per la nuova PA in cui è possibile trovare approfondimenti sui nuovi modelli organizzativi, sulle dinamiche di innovazione territoriali, sulla trasparenza e partecipazione, sulla programmazione europea, sulla sanità. La seconda parte, invece, è dedicata ai lavori dei Cantieri sulla PA digitale sui temi centrali dell’anno appena trascorso: procurement pubblico, cittadinanza digitale, gestione documentale, gestione patrimonio pubblico, scuola e sicurezza. Il 2017 è stato l’anno della transizione per la PA digitale, il 2018 dovrà essere l’anno della concretezza oltretutto perché saremo in piena fase di realizzazione della Programmazione europea 2014-2020 i cui programmi, concludono gli analisti di FPA, “necessitano di essere realizzati senza ulteriori indugi”.

*membro Cantiere Scuola Digitale di ForumPA

Share This:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *